Il business plan è un documento di strategia che aiuta a pianificare le azioni da mettere in campo per sviluppare un’idea imprenditoriale. Se solitamente è utilizzato nell’ambito del mercato reale, per pianificare la nascita – o un nuovo sviluppo – di un business imprenditoriale, anche nel mondo del web ormai si ricorre all’utilizzo del business plan in quanto è un valido strumento che può aiutare – se realizzato nel modo corretto – ad azzerare i rischi di un insuccesso.

Ma come si realizza concretamente un business plan? E quali sono le aree di criticità? Scopriamolo insieme.

Il business plan per un sito web si compone di varie parti, ognuna a suo modo fondamentale. Ovviamente, il discorso è diverso se si vuole realizzare un bp di un sito già esistente oppure di un’idea completamente nuova. Ipotizziamo che il business plan ci occorra per la creazione di un nuovo sito di e-commerce: queste sono le sezioni fondamentali che non possono mancare nel nostro progetto di business.

Analisi della Nostra Idea

Quando si realizza un business plan per un prodotto reale, la prima cosa che si fa è la scomposizione in caratteristiche del prodotto, ossia un’attenta analisi di ogni aspetto del bene o servizio che intendiamo vendere per capirne punti di forza e di debolezza. Con il web la situazione non cambia: la conoscenza approfondita della nostra idea, di ciò che vogliamo vendere, di quelle che saranno le caratteristiche peculiari del nostro servizio aiutano a renderci conto di quelli che sono i punti di forza della nostra idea da mettere in luce ma anche quelli che sono i punti di debolezza ma nascondere.

A questo proposito aiuta molto uno ‘strumento’ chiamato analisi Swot che altro non è che una dettagliata descrizione dei punti di forza e di debolezza della nostra idea ma anche delle minacce e delle opportunità di mercato rispetto a quello che sarà il nostro business.

Analisi della Concorrenza

Un buon business plan non può prescindere da un’analisi della concorrenza, ossia delle altre aziende che propongono un servizio o dei prodotti simili a quelli che vogliamo offrire noi con il nostro sito di e-commerce. La concorrenza sarà da questo momento in poi sempre la nostra pietra di paragone in quanto ci servirà a capire – laddove riesce ad avere un numero di clienti maggiore rispetto al nostro – quali sono eventualmente i nostri errori sul mercato.

Per fare l’analisi della concorrenza è necessario realizzare unì analisi approfondita dei loro portali di e-commerce valutandone aspetti quali la grafica, i servizi offerti, il grado di interattività ma anche l’usabilità, l’intuitività del percorso di navigazione, etc. L’obiettivo è quello di mettere in pratica la strategia di benchmarking ossia l’estrapolazione delle idee migliori della concorrenza che poi, una volta riadattate alle nostre esigenze, diventeranno parte integrante della nostra strategia.

Analisi del Target

Questa sezione, insieme alla pianificazione delle strategie, è una di quelle più importanti. Si definisce target la platea di potenziali consumatori che acquisteranno tramite il nostro sito web di e-commerce: i desideri e le abitudini del target, dunque, costituiscono due aspetti fondamentali da tenere in considerazione rispetto alle idee strategiche del nostro business plan.

E’ fondamentale conoscere ogni aspetto del target di riferimento: quante persone ne fanno parte (stima delle potenzialità del mercato), quanto può spendere, se è composto in maggioranza da uomini o donne, fascia di età, etc. Ognuna di queste voci ci aiuterà a progettare un servizio tarato in modo specifico sui desideri del target e quindi potenzialmente di suo interesse.

Pianificazione delle Strategie

Una volta raccolti tutti i dati nelle parte di analisi fin qui descritta, si passa all’operatività vera e propria con la definizione del nostro sito di e-commerce così come dovrà essere fatto.

In questa sezione inseriremo le nostre scelte sui colori, sull’albero di navigazione, sulle diverse sezioni da inserire e sui servizi da offrire, sulle funzionalità, etc. Si tratta, in pratica, di tracciare le linee principali di quello che sarà il nostro sito di e-commerce negli aspetti principali.

Comunicazione e Promozione

Nessun prodotto o servizio – neanche la cosa più innovativa mai creata – potrà essere venduta senza un’efficace campagna di comunicazione che informi e formi il target di riferimento sulla sua esistenza e il suo funzionamento, mettendo in luce i benefici che se ne ricavano dal suo utilizzo. Un sito di e-commerce non sfugge a questa legge.

In questa sezione, allora, verranno progettate ed illustrate tutte le azioni di comunicazione che serviranno per promuovere il nostro sito web, soprattutto tenendo in considerazione quelli che sono gusti e abitudini del nostro target di riferimento: il segreto della comunicazione efficace, infatti, è quello di utilizzare lo stesso linguaggio del nostro target di riferimento e promuovere il prodotto e/o il servizio laddove sappiamo di trovare i nostri potenziali consumatori.

Budget e Ricavi

Un’attenta pianificazione delle spese e dei ricavi aiuterà a tenere il conto delle spese effettuate e delle fonti di copertura e di guadagno.

E ora?

Ed ora non resta che procedere alla creazione del nostro business plan che, però, andrà realizzato con la massima cura per non rischiare di prendere decisioni sbagliate in base ad analisi errate.

Se poi preferiamo non rischiare, allora è possibile rivolgersi a professionisti di settore che possano aiutarci a realizzare il nostro business plan. Kalistudio – web agency di Bologna – può essere il partner ideale per realizzare, grazie al suo know how ormai consolidato dal mercato, un business plan efficace.

Leave a Reply

Your email address will not be published.