YahooE’ un po’ strano vedere un documento di un motore di ricerca che parla di SEO.
È un fatto ancora più strano vederne uno che fornisce dettagli su come il motore di ricerca potrebbe realmente ottimizzare i siti web per i motori di ricerca.

Un documento di brevetto Yahoo, pubblicato all’inizio di gennaio, ci fornisce dettagli su come il motore di ricerca potrebbe automatizzare la SEO per i motori.
Il processo descritto coinvolge la ricerca delle query eseguite dai ricercatori nel motore e dei file di log e possibilmente anche l’attenzione per le attività di navigazione di quei stessi ricercatori.

Potrebbe anche coinvolgere l’attenzione per le informazioni che gli utenti hanno compilato su come le parole dovrebbero essere correlate semanticamente l’un l’altra come concetti o come argomenti (o per usare le loro parole, come unità), e la popolarità o la tendenza di quei termini o unità.
Le parti delle pagine, come i titoli e le testate e gli URL per le pagine e gli alt text per le immagini potrebbero essere riscritte automaticamente sulle pagine web, nel tentativo di ottimizzarle per i termini più popolari.

Nella sezione background della domanda di brevetto, viene data una definizione di ottimizzazione per i motori di ricerca:

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (Search Engine Optimization o, SEO) si riferisce ad azioni che un sito web esegue per migliorare la sua presenza e il suo posizionamento per query di ricerca rilevanti.
I motori di ricerca più popolari, tra i quali Yahoo!.RTM., Google.RTM., e Microsoft Live.RTM., possono utilizzare tecniche similari per determinare la rilevanza dei risultati di ricerca, e la SEO potrebbe includere i tentativi di un sito di apparire in modo più accurato in quei risultati di ricerca.

La SEO può essere effettuata migliorando le etichette, i tag e le informazioni su un sito. Di conseguenza, è opportuno migliorare la SEO delle pagine, così che quelle pagine appaiano nei risultati di ricerca per query correlate al contenuto delle pagine stesse.

La domanda di brevetto è la seguente:

Sistema automatizzato per migliorare la SEO nelle pagine
Inventato da Chyr-Chong (Giuseppe) e Adam Ting Hyder
Assegnato a Yahoo
Numero di brevetto USA 20090006311
Pubblicato il 1 ° gennaio 2009
Archiviato 28 giugno 2007

Estratto:
Viene fornito un sistema e un metodo per l’ottimizzazione per motori di ricerca (SEO). La SEO automatizzata potrebbe analizzare i logs delle query di ricerca, o i database dei log di ricerca per determinare i concetti/ unità popolari che potrebbero essere utilizzati per ottimizzare automaticamente un sito o una pagina per i risultati del motore di ricerca.

Il sito o la pagina viene modificato basandosi sul SEO automatizzato. In particolare, il database dei log può fornire una lista della frequenza delle unità che rifletta la popolarità delle varie unità. Le unità più popolari che sono correlate al contenuto della pagina possono essere usate nel SEO automatizzata della pagina.

La lista della frequenza delle unità può essere comparata con le unità esistenti sulla pagina, così che le parole più popolari e i concetti più popolari all’interno della pagina possano essere enfatizzati.

La domanda di brevetto fornisce un numero di esempi su come il loro sistema di SEO automatizzata potrebbe aggiornare i titoli delle pagine, gli URL delle pagine, le meta description e le meta keyword, gli attributi alt delle immagini, e le testate delle pagine. Per esempio, ecco una discussione sui titoli delle pagine:

In un esempio, se avete un blog sulle squadre sportive di Chicago, il vostro titolo potrebbe essere generico, come ad esempio “Chicago sport blog.” Tuttavia, dopo aver comparato la lista delle unità frequenti e la lista delle unità della pagina, potrebbe essere stabilito che attualmente i termini Chicago Cubs.RTM. sono i più popolari.

Di conseguenza, l’ottimizzatore per motori di ricerca seleziona quella unità che modifica il titolo a “Chicago Cubs blog.” La popolarità dell’unità Chicago Cubs.RTM. può fornire dei risultati di ricerca migliori rispetto al titolo “Chicago sport blog.”

Ho qualche dubbio riguardo a quest’approccio.
Non posso fare a meno di chiedermi se il titolo per il blog che viene descritto possa essere cambiato in “Chicago Bulls Blog” durante la stagione di basket, o in “Chicago Bears Blog” nei weekend durante la stagione di football. È probabile che questi siano i termini più popolari durante quei periodi di tempo.

I siti che cambieranno regolarmente il proprio focus basandosi sulla popolarità dei termini di ricerca sacrificheranno le proprie identità per afferrare i termini di ricerca più popolari?
Ci sono anche altri aspetti della SEO che la domanda di brevetto non prende in considerazione, come le decisioni mirate a target di termini meno popolari piuttosto che quelle mirate ai più popolari.
Questo potrebbe accadere quando le persone che stanno dietro un sito riconoscono di non poter competere con i siti che al momento si trovano in classifica per quei termini, ma che allo stesso tempo riconoscono che quei siti non vengono ottimizzati per query di ricerca meno popolari, e credono che il loro audience sia formato da utenti alla ricerca dei termini meno popolari.
Oppure quando il proprietario di un sito riconosce che esista una nicchia di mercato o informativa non adeguatamente coperta nel web.

Conclusioni

La SEO non riguarda il tentativo di raggiungere più traffico possibile su un sito per i termini più popolari possibili.

Seo Yahoo

Invece, si tratta di capire l’obiettivo di un sito, e sapere abbastanza del pubblico che potrebbe essere interessato in quello che il sito offre, per aiutare i ricercatori e quei siti a trovarsi l’un l’altro. Questo può riguardare trovare le parole giuste da usare nelle pagine di un sito piuttosto che le parole più popolari.
La SEO riguarda anche conoscere abbastanza il modo in cui funzionano i motori di ricerca così che sia più facile per tali motori indicizzare le pagine di un sito, e capire cosa quelle pagine trattano quando le indicizzano.

La domanda di brevetto Yahoo entra nei dettagli delle basi dell’ottimizzazione di una pagina individuale per i motori di ricerca, ma ignora molti dei dettagli tecnici coinvolti nella costruzione dei siti e delle pagine search engine friendly.

La domanda di brevetto Yahoo evita anche di discutere l’argomento della difficoltà che può comportare a volte ottimizzare pagine per termini di ricerca molto popolari e competitivi.
Il proprietario di un sito potrebbe volere targetizzare termini di ricerca meno popolari in pagine che si trovano a livelli di directory abbastanza profonde nei loro siti e che hanno un buon rank per le ricerche che il proprio pubblico condurrà su quelle pagine piuttosto che targetizzare termini più popolari per quelle pagine, ed avere un rank molto basso.
Un’altra questione che dovrebbe essere sollevata è il potenziale di conflitto di interessi del motore di ricerca che esegue anche l’ottimizzazione per motori di ricerca.

Ringraziamenti e Note

Si ringraziano:
Sara Radicia, webmaster di Firefox Blog e traduttrice per la traduzione del testo.
SeobytheSea per la stesura originale dell’articolo in lingua inglese e per la collaborazione data.

One Response

Leave a Reply

Your email address will not be published.