Scritto da Paolo Dello Vicario il 26 maggio 2012

Un dato importantissimo che dovrebbe essere a disposizione di ogni SEO è quello relativo al CTR indicativo di una determinata posizione nelle SERP; studi di questo tipo si sono succeduti nel tempo, soprattutto oltreoceano, mostrando dati sempre abbastanza coerenti fra loro.

Finalmente a confermare il tutto arriva una semplice ma efficace indagine tutta italiana, per mano di Costanza Ghelfi di NeoSEO; lo studio, condotto su 1.2Mln di impressions e 42K di clicks, ha riguardato settori e tematiche diverse. Escluse dall’analisi sono state le ricerche branded, che avrebbero ovviamente pregiudicato la bontà del risultato. Oggetto dell’analisi: i soli risultati organici.

I dati ottenuti si allineano sostanzialmente a quelli già ottenuti dalle famose analisi di Enquiro e Chitika, che sono stati per anni punti di riferimento per questo argomento.

Curva CTR

Sostanzialmente la ripartizione delle visite fra la sesta e l’undicesima posizione è pressoché uniforme. Grandi vantaggi si hanno ovviamente fra il primo e il terzo risultato, con un picco sul primo, che porta quasi il doppio dei click rispetto al risultato successivo.

Un’osservazione importante: la totale eterogeneità delle SERP, la diversità fra una ricerca e l’altra (con l’inserimento di risultati video, rich snippets, riferimenti all’autore, schede, etc.) e addirittura fra due ricerche uguali performate in luoghi diversi, fa sì ormai che dati del genere vado presi con le pinze, adattati al caso e usati più che altro come indicazione di massima per la previsione del traffico. L’analisi finale dei risultati sarà l’unico vero modo per avere dati certi!

Per approfondimenti sullo studio e le tabelle complete: Studio di NeoSEO.

Potresti Trovare Interessanti Anche:

- Pagina su SeoPoint
Ideatore e Web Master di SeoPoint.org, si occupa di SEO dal 2007. E’ moderatore nel Forum GT, la community di riferimento per i SEO in Italia. E’ stato relatore al Symposium GT 2009 e 2010 su Google, ha partecipato alla Tavola Rotonda del Convegno GT 2009 ed è stato relatore al Convegno GT 2010. Scrive per “IlGiornale.it”.

3 Responses to “Come si Distribuisce il CTR nelle SERP Organiche”

  1. Lorenzo

    Può essere sempre un'indicazione utile, è meglio inserire meta tag che portino ad essere ai primi posti per determinate ricerche, piuttosto che tag più generiche e comuni che anche se fanno trovare un articolo in più ricerche tuttavia sono lo abbassano in classifica

    Rispondi
  2. Michele

    Concordo… sarebbe interessante vedere quelli nella seconda pagina. Il risultato sarebbe davvero triste. Per avere un minimo di visibilità devi rientrare nei primi 10 altrimenti è come non esserci quindi inutile incaponirsi su keyword con troppa concorrenza meglio ripiegare su frasi cercate meno ma che ti fanno ai primi posti e ti portano traffico molto piu targetizzato

    Rispondi
  3. Alessandro

    Mi sembrano sottostimate le prime tre posizioni e sovrastimate le ultime quattro. D’altronde, chi può dire di conoscere i corretti dati medi della distribuzione? Ottimo post, ad ogni modo!

    Rispondi

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>