Guida SeoSicuramente molti di voi penseranno: ecco l’ennesima guida al posizionamento che gira per la rete, ormai si sa, le cose sono le solite, studia e studia questi ebooks iniziano a diventare inutili.

Probabilmente, pubblicata da un qualsiasi altro sito web, questa guida avrebbe fatto quest’impressione.. ma pensate se a pubblicarla sia stato proprio il grande motore di ricerca su cui molti SEO posizionano giorno per giorno siti web. E’ vero, Google con il tempo si sta avvicinando sempre di più ai WebMasters: linee guida, slides, aiuti per il webmaster non ci sorprendono più, però questa volta la cosa si è fatta veramente interessante.

Anche fra i SEO ci sono sempre stati(e probabilmente sempre ci saranno) alcuni dubbi su determinati argomenti, a partire dai metatags fino alla riscrittura degli URL, spesso legati all’evoluzione continua e al cambiamento degli algoritmi di Google.

Con questa guida il colosso dei motori di ricerca chiarisce al mondo un po’ di dubbi. A partire dai contenuti duplicati, che Google ci sconsiglia in favore di fresh, unique content.

Forse per chi già conosce abbastanza bene questi argomenti l’ebook può essere solo una curiosità interessante che lo farà sorridere ma di sicuro può indicare una svolta in questo campo.

Pensate se da oggi a qualche anno a venire, Google pubblicasse altre guide, sempre più approfondite e che renderebbero il posizionamento e l’ottimizzazione sempre più facile da parte dell’utenza di internet, probabilmente la richiesta di SEO diminuirebbe e ci sarebbero sempre più grafici e webmasters che si improvviseranno SEO, sia per se stessi che offrendo servizi agli altri.

E voi cosa ne pensate? Potrebbe cambiare qualcosa in futuro proprio grazie alle spiegazioni di Google?

Intanto vi lascio al download della guida, che potete scaricare comodamente da questo link, sono 22 pagine scritte in Inglese, semplici da leggere anche per chi non conosce benissimo altre lingue rispetto all’Italiano: SEO Starter Guide Download.

10 Responses

  1. Neve

    In fin dei conti seo non si nasce si diventa, penso siano pochi i seo che non sono mai stati webmaster, in fin dei conti mettere mano al posizionamento è obbligatorio per i webmaster, chi poi si interessa al mondo SEO si specializza, ma in fin dei conti è sempre un sottoramo della gestione di siti internet

    Rispondi
  2. Paolo Dello Vicario

    Sì ovviamente non è escluso che un webmaster possa diventare SEO e lo stesso vale per un web designer. Anzi solitamente un SEO è proprio un webmaster.

    Succede però spesso che c'è gente che si improvvisa SEO per il semplice fatto di aver letto una guida come questa, cosa assolutamente non vera.

    Rispondi
  3. studenti macerata

    Ciao a tutti! Credo che Google non faccia nulla per caso. Queste guide prima di tutto, oltre ad essere un aiuto x i webmaster e SEO specialists, è un'attività di fidelizzazione. Fidelizzazione non solo sugli esperti della rete, ma su tutte quelle persone che girano intorno a questi esperti. Se io posso offrire un servizio migliore per il posizionamento su Google, ovviamente lo sponsorizzerò ai miei clienti e a quelli che conosco. E' come se facessi pubblicità ad un mio prodotto.. ma non è mio: è Google. Credo che dovremmo aspettarci presto delle reazioni da parte degli altri motori (guide, tool tips, etc). Ah, ovviamente queste sono considerazioni personali… fatte al volo, soprattutto.

    Rispondi
  4. Mauro da Cattolica

    Sono un webdesigner e mi sto specializzando in SEO da diversi anni. Ma vi assicuro che a parte realizzare un sito web ottimizzato per i motori di ricerca, non è così facile attuare altre tecniche SEO pur conoscendole. Se il sito è ottimizzato, ottiene già discreti risultati (se non è in un settore competitivo), però attuare tecniche che sono "fuori" dal sito, come la link popularity è meglio affidarsi a persone che ti aiutino in questo lavoro di search engine marketing. Oppure fare come me…lasciar perdere il webdesign e dedicarsi al SEO.

    Rispondi
  5. Seo-Luca

    Come per tutte le cose esiste un livello "spannometrico" ed un livello di alta specializzazione: credo che ormai l'attività Seo, per quanto vada a braccetto con il webmaster, sia da ritenersi un'attività a se ed indipendente.

    Questa guida google vuole essere uno "starter" per gli sviluppatori in modo che realizzino una buona base su cui lavorare per i veri Seo.

    La ritengo positiva.

    Rispondi
  6. slyxx

    Giusto Paolo. Personalmente mi piace molto la figura del webmaster/seo che riesce a vivere con i propri siti. Sarà che per natura non adoro il relazionarsi con i clienti.

    Vado un pò OT, comunque in generale si leggono sempre più sofisticheria sul posizionamento. poi nella realtà si vede siti ben posizionati in modi "banali".

    A mio avviso la migliore guida seo è lo studio dei competitors, analizzare siti già affermati.

    Rispondi
  7. SMS

    Secondo me la maggior parte dei seo sono o sono stati dei webmaster. Chi si improvvisa direttamente seo deve imparare molte cose e puo' usare appunto queste guide ad hoc

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.