Come avrete notato ho iniziato da qualche tempo a pubblicare alcune interviste su SeoPoint; a novembre ho intervistato Giorgio Taverniti mentre pochi giorni fa ho pubblicato l’intervista a Luca Catalano, ideatore di un grande scherzo su Facebook che ha visto 1.200.000 utenti iscritti ad un singolo gruppo.

Da tempo volevo pubblicare un’intervista a Davide Pozzi, in rete conosciuto con il nickname di Tagliaerbe, SEO Specialist, Consulente di WebMarketing e blogger del rinomato TagliaBlog.

Il suo blog tratta principalmente di SEO, Posizionamento e WebMarketing ed attualmente è uno dei più visitati per questi argomenti in tutta Italia!

TagliaErbe

Iniziamo subito con una curiosità personale prima di passare all’intervista vera e propria: da dove nasce il nickname TagliaErbe?

E’ una cosa che vogliono sapere in tanti, e quindi l’ho resa pubblica sulla home page del mio sito web.

Nel 1992 rimasi molto colpito dal film “Il Tagliaerbe“, che mescola realtà virtuale ad una idea di rete globale (memorabile il finale nel quale il protagonista si “fonde” con la rete telefonica, facendo squillare tutti i telefoni del pianeta all’unisono).
Inoltre c’è una certa somiglianza fra il personaggio rappresentato nella locandina de “Il Tagliaerbe 2” (seguito del film, uscito nel 1996) e il sottoscritto 🙂

Domanda forse un po’ scontata ma sempre interessante: come e quando nasce l’interesse per la Seo ed il WebMarketing?

Probabilmente devo dare da un lato la colpa ad un SEO contest al quale partecipai 3 anni fa (il famoso “Fattori Arcani”), e dall’altro alla mia professione di Marketing Manager
(anche se preferisco definirmi un “venditore di banner” 🙂 ).
La mia passione per Internet risale invece a qualche anno prima, al 1995, anno in cui iniziai a lavorare in questo fantastico settore.

Attualmente il TagliaBlog è uno dei blog più apprezzati e letti nel panorama SEO Italiano: quali sono i “segreti del successo” del Taglierbe? Spesso e volentieri si dice “Content is King” ma credo che senza pubblicità dietro non si concluda molto.. Proprio per questo molti bravi bloggers spesso rimangono “nell’ombra”..

Bisogna investire nel proprio brand. Scrivere guest post, commentare su forum e blog (in modo pertinente, è chiaro), e “socializzare” (online ma anche offline) con altri personaggi appartenenti alla stessa nicchia.
Non credo ci siano segreti, forse (se ne esiste uno) è quello di riuscire ad anticipare un filino i tempi, ovvero entrare con qualche mese di anticipo in una nicchia che poi prenderà piede.

Quali sono per te attualmente i fattori più importanti per determinare un buon posizionamento?

Contenuti e link, senza alcun dubbio: puntare ad ottimi contenuti, che inevitabilmente richiameranno ottimi (o almeno buoni :-)) link.

Si parla sempre più spesso dei Social Network, come strumento di marketing e come opportunità per la promozione dei siti web. Io spesso però li trovo abbastanza dispersivi. Tu cosa pensi dei vari tipi di questi Social?

Alcuni social focalizzati al business (come LinkedIn, Xing o Viadeo) possono avere il loro bel perchè.
Su altri strumenti attualmente di moda (vedi Facebook e Twitter) nutro invece parecchi dubbi… sono dei “time waster” incredibili, che richiedono l’applicazione di notevoli
filtri per eliminare l’enorme rumore che generano… insomma, usateli solo se avete un sacco di tempo libero 🙂

Molto spesso vengono pubblicate sul Tagliablog interviste a vari personaggi di spicco nel panorama dei Seo o dei bloggers. Qual’è secondo te il modo migliore per proporre un’intervista ad una persona con cui non si ha mai avuto modo i parlare? Avresti qualche “modello di mail” da presentarci?

Io sono una persona “senza vergogna” 🙂
Scrivo direttamente a tutti, anche ai personaggi che molti ritengono “inarrivabili”, e raramente non ottengo risposte.
Un trucco? mostrare a tali “VIP” l’elenco delle interviste già fatte: io ho la fortuna di averne fatte fino ad oggi una quarantina… Link: Interviste sul Blog Tagliaerbe

Torniamo al blog in quanto tale: come fai a farti venire in mente le idee per i tuoi post e a tenere il ritmo attuale? In media quanto tempo impieghi nella stesura di un articolo?

Perchè non ho praticamente nessun altro hobby/interesse/distrazione… solo casa, chiesa e lavoro 🙂 E inoltre sono terribilmente metodico.
Circa il tempo, dipende molto dal tipo di post (dalla lunghezza, dal fatto se c’è di mezzo una traduzione o meno, etc). Inoltre non scrivo mai in modo “continuativo”, faccio
enne altre cose mentre prepararo l’articolo… probabilmente dai 30 minuti all’ora.

Google nel futuro: sempre meno Technical SEO?

Assolutamente. Io ormai punto solo a creare a contenuti, e consiglio a tutti di farlo: articoli e post di qualità, ma anche audio e soprattutto video!
E poi io non sono mai stato un buon tecnico 🙂

Alla prossima
Davide “Tagliaerbe” Pozzi

About The Author

Ideatore e Web Master di SeoPoint.org, si occupa di SEO dal 2007. E’ stato relatore a diversi eventi organizzati da GT Idea Srl. E’ moderatore nel Forum GT, la community di riferimento per i SEO in Italia. Studia Ingegneria Industriale presso l'Università degli Studi della Tuscia di Viterbo. Sognatore, appassionato di corsa e outdoor e scout da sempre.

Leave a Reply

Your email address will not be published.