Paolo mi ha chiesto di scrivere un articolo riguardo il tool che abbiamo progettato con la mia web agency e spero che tale articolo sia utile a molti per capire come integrare il nostro strumento nella tua strategia SEO. Siamo all’alba del 2011 e ogni giorno webmaster e web agency sono alla ricerca di strategie valide per portare traffico di qualità sui propri siti attivando una serie di strategie sui motori di ricerca come, ad esempio, l’attivazione di campagne di Article Marketing o la segnalazione delle proprie news sui siti di social bookmarking. All’estero, tali metodologie hanno già preso piede da anni, ma da noi in Italia non tutti hanno compreso a fondo come svolgere questi due tipi di attività. Nel lontano 2008, io e il mio team, decidemmo di dar vita quindi ad un tool strutturato per fare article marketing e social bookmarking nel migliore dei modi, automatizzando una serie di processi, sto parlando di Article Marketing Turbo. Lo scopo del progetto è quello di far risparmiare tempo all’utente nello svolgere le attivita citate sopra, attraverso un pannello user friendly composto da una serie di funzioni uniche nel panorama italiano.

La strategia SEO

Prima di vedere come inserire Article Marketing Turbo in una strategia SEO, è bene spendere qualche parola sulla strategia stessa. Infatti prima di poter attuare una strategia di ottimizzazione si deve avere tra le mani qualcosa da ottimizzare e quindi ci deve essere un processo di analisi dei dati in nostro possesso da cui possiamo decidere i nuovi obiettivi e le azioni SEO per raggiungerle. Solitamente dopo l’analisi si individuano una serie di parole chiave di nicchia che hanno il miglior “conversion rate” e si lavora su di esse affinchè si possa ottenere un posizionamento migliore sui motori di ricerca da cui ne deriveranno più visite e di riflesso più vendite. Ma non tutte le keywords sono facilmente approcciabili e se il sito è appena nato, avendo un ranking molto basso sarà difficile ottenere da subito un buon posizionamento per le parole chiave selezionate.

Il posizionamento indiretto

Il posizionamento indiretto per me significa posizionarsi sui motori di ricerca attraverso altri siti, avendo quindi la possibilità di sfruttare la “forza” di questi per posizionare nostri contenuti per keywords “toste”. Infatti s egnalare le notizie su siti come oknotizie e simili, grazie alla grande quantità di contenuti sempre aggiornata fà in modo che questi riescano a posizionarsi nei primi giorni avanti nei risultati rispetto ad un piccolo sito, e questo porta sicuramente un guadagno immediato per attrarre potenziali clienti/lettori. Inoltre il posizionamento in prima pagina dei siti dedicati al social bookmarking non è deleterio per la propria attività in quanto una volta che google scandisce i nuovi contenuti, se il sito nel corso del tempo ha ottenuto un certo spessore, penserà sicuramente a posizionarli nella giusta graduatoria scavalcando così i siti di social bookmarking ed eventuali aggregatori che c’erano prima.

Conclusione

Concludo dicendo che Article Marketing Turbo è sicuramente un mezzo valido per migliorare la tua attività SEO online ma si tratta pur sempre di un mezzo infatti i risultati risultati dipendono anche da una serie di altri fattori come:

  • cosa devi promuovere;
  • se hai già link;
  • cosa devi farni;
  • dalle parole chiavi a cui miri;
  • dal traffico che ti aspetti;
  • se sei pronto a ricevere tale traffico e convertirlo;
  • modello di conversione in atto;
  • e chi più ne ha ne metta…

Maggiori informazioni riguardo tali metodologie le può trovare nella nostra guida gratuita e per qualsiasi domanda non esitare a scrivermi nei commenti a questo articolo.

10 Responses

  1. @daviderigon

    Complimenti per l'iniziativa, finalmente si lavora su qualcosa di utile e concreto.

    Sarebbe interessante vedere come è configurato il pannello di controllo e quali sono le funzioni disponibili.

    Rispondi
  2. Massimiliano

    Ciao,

    ho fatto richiesta di attivazione per la prova di article marketing turbo da circa 2 settimane ma non ho ricevuto informazioni.

    Saluti
    Massimiliano

    Rispondi
  3. article marketing

    Scusate ma proprio non riesco a capire il senso di Article Marketing Turbo. Fa risparmiare tempo, certo, ma per fare cosa? Per effettuare decine, centinaia di copia e incolla. Sarebbe più utile risparmiare tempo evitando questa pratica inutile e nociva per il posizionamento. L' article marketing è un' altra cosa e si concentra più sulla qualità del contenuto (e del contesto nel quale è pubblicato) piuttosto che sulla quantità di siti sul quale un articolo è pubblicato.

    Rispondi
    • Daniele

      Dal tuo commento mi sembra di capire che non hai mai testato il nostro servizio e che non hai letto le nostre guide gratuite in cui spiegamo come fare Article Marketing e social bookmarking nel migliore dei modi, infatti siamo i primi a scrivere che il COPIA e INCOLLA di un articolo non và fatto e che inviare lo stesso articolo a tutti i siti di AM può essere penalizzante.

      Inoltre c'è da considerare i comunicati stampa, che per loro natura devono essere inviati uguali a tutti i siti in cui possono essere ospitati (in quanto hanno una funzione diversa).

      Concludo con il dire che oltre al lato AM, c'è anche un area dedicata al social bookmarking che permette la segnalazione delle notizie del proprio sito/blog/forum su un buon numero di siti specializzati in materia con la possibilità di differenziare titolo e descrizione della notizia segnalata.

      Tutto sommato se SEOpoint ci supporta e lo utilizza, significa che se usato con rigore di logica il servizio funziona e porta ottimi benefici.

      Rispondi
  4. Leo

    L'Article Marketing aveva senso fino a poco tempo fa, adesso non più. Dopo Google Panda, prossimo in Italia, questi contenuti saranno ritenuti semplicemente spazzatura, come i links che andranno ad ospitare. Ovvero:
    – Gli articoli su siti di articles marketing NON si posizioneranno più;
    – Il valore dei links in articoli ripetuti e/o con poco rilievo NON avranno più valore al fine di posizionamento;

    Per il social bookmarking: la maggiorparte dei progetti son stati abbandonati, non portano più traffico, e questo è dimostrato dal fatto che oramai i blogs usano solo "I like", "Share" e "Twitter" e nessuna opera di condivisione con altri strumenti.

    In conclusione: il tempo per questo genere di strumenti è concluso, avanti i prossimi 🙂

    Rispondi
    • Daniele

      Leo ti parlo da appassionato di motori di ricerca, Google Panda non ha nulla a che vedere con l'Article Marketing. Google Panda è un aggiornamento dell'algoritmo di google che ha lo scopo di andare a troncare le visite a tutti quei siti che generano contenuti spazzatura, questo dunque ci fà capire che se si creano contenuti di qualità questi avranno migliori posizionamenti magari rispetto a grandi brand che si erano ben posizionati fino a quel momento.

      Per il social bookmarking, anche qui non mi trovi daccordo anzi proprio grazie alla diffusione di pulsanti come like, share, ecc, si sta iniziando in italia a capire il concetto di social bookmarking e quindi siti importanti che vengono portati avanti con dedizione ne stanno trande sicuramente un giovamento.

      Rispondi
  5. Valentina

    Ho provato la versione di prova di Article Marketing Turbo e mi è sembrato un ottimo prodotto. Sto valutando per l'acquisto in quanto può portare buone visite.
    Complimenti per l'idea

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.