Immaginate di voler trovare un paio di vecchi jeans Levi’s in vendita sul web. Potresti andare su Google e inserire la frase di ricerca [vestiti vintage jeans].Vi aspettereste probabilmente che Google provi tutte le ricerche per tutti e tre i termini, ma cosa succederebbe invece se facesse una prima ricerca per [vestiti vintage] e una seconda ricerca per [jeans] fra i siti ottenuti dalla prima ricerca? Potrebbe anche includere i risultati dalle pagine collegate alle pagine mostrate nei principali risultati della ricerca iniziale?

Le possibilità che potreste ottenere sono diversi set di risultati di ricerca per ogni diverso approccio. E non sapreste mai che Google ha fatto due ricerche invece che una.

Google Cerca fra Risultati

O immaginate di avere scritto [vestiti vintage] come query iniziale, e che Google vi restituisca un box di ricerca all’inizio dei risultati che vi dia la possibilità di aggiungere un altro termine di ricerca da usare per affinare la ricerca fra i primi dieci risultati. L’immagine qui sopra è uno screenshot preso da un brevetto Google autorizzato la settimana scorsa che potrebbe abilitare tali tipi di ricerche all’interno delle ricerche.

Il brevetto ci dice come nella prima versione di questo approccio alle ricerche correlate, la seconda ricerca automatica potrebbe includere una ricerca di tutte le pagine a cui è collegata tramite i risultati principali della prima ricerca. O, se la pagina mostrata nella ricerca iniziale è l’homepage di un sito, la seconda ricerca potrebbe includere una ricerca in tutte le pagine di quel sito.

Google ha provato uno numero di esperimenti di interfacce, nel corso degli anni, che introducono nuove caratteristiche per le interfacce che potrebbero essere qui oggi e via domani, e non sarebbe una sorpresa vedere qualcosa che fiorisca la notte e poi sparisca. Ad esempio quando Google prova un brevetto prima di applicarlo e scopre che i risultati non sono abbastanza incoraggianti lo archivia.

Come utenti o proprietari di siti, pensate che la ricerca automatica all’interno della ricerca che ho descritto prima potrebbe fornire migliori risultati della ricerca completa e primaria collegata direttamente alla keyphrase inserita? Cosa porterebbe migliori risultati all’utente?

Se Google offrisse un box di ricerca aggiuntivo all’interno della ricerca, questo porterebbe gli utenti a considerare ancora meno la seconda pagina dei risultati di ricerca? Non ne sono sicuro, ma penso sia decisamente probabile. Questo potrebbe dipendere dal fatto che gli utenti vengano soddisfatti o meno dai risultati che vedono.

Il brevetto è:

Performare ricerche multiple correlate
Inventato da Corin Anderson e Benedict A. Gomes
Assegnato a Google Inc.
Brevetto US 7,991,780
Concesso il 2 Agosto 2011
Archiviato il 7 Maggio 2008

Estratto

Una prima ricerca viene performata in risposta a una query di ricerca ricevuta. La prima ricerca è basata sulla prima porzione della query di ricerca. Nella prima ricerca, un primo set di contenuti viene cercato per identificare un primo set di risultati di ricerca. Ogni risultato nel primo set di risultati di ricerca identifica al massimo un contenuto del primo set di contenuti. Un secondo set di contenuti per performare una seconda ricerca è determinato basandosi su uno o più risultati della prima ricerca. Il secondo set di contenuti include contenuti non inclusi nel primo set dei risultati di ricerca.

Una seconda ricerca viene performata, cercando nel secondo set di contenuti per identificare un secondo set di risultati di ricerca. Ogni risultato nel secondo set di ricerca identifica al massimo un contenuto del secondo set di contenuti.

Conclusioni

E’ facile pensare che quando si inserisce un termine di ricerca nel box di ricerca di Google allora il risultato che si vede sarà di una singola ricerca, ma questo brevetto mette alla prova questo pensiero.

Immaginate un proprietario di un sito con un hotel a Los Vegas (un esempio del brevetto), che tenta di creare il migliore buffet della zona. Potrebbe spendere un sacco di tempo e sforzo creando una pagina sul buffet, e aspettarsi che si posizioni bene fra i risultati di ricerca per [los vegas hotel buffet]. Quando qualcuno attualmente fa quella ricerca, Google potrebbe inizialmente cercare per [los vegas hotel], e poi cercare fra i risultati principali per la query [buffet], e mai restituire la pagina del nostro organizzatore di buffet che è stata ottimizzata per un termine più lungo.

Il processo descritto in questo brevetto potrebbe avere un grande impatto negativo sulle queries della long tail?

E’ possibile.

Ci sono due differenti scenari descritti in questo brevetto. Il primo vede Google rompere una query in parti, e automaticamente performare una seconda ricerca. Il secondo è quello per cui Google potrebbe dare agli utenti la possibilità di cercare fra i risultati. Entrambi sembrano dare ottimi benefici ai siti già affermati per key competitive e termini generali, e indebolire sensibilmente i piccoli siti che giocano tutto sulla long tail.

Liberamente tradotto da SeobytheSea

One Response

  1. Seowebmaster

    Molto interessante… ma sinceramente non vedo un miglioramento nei risultati di ricerca alla fine!
    Sia per le ricerche con una singola query sia per Long Tails… Google lato SEO diventa sempre di più un ammasso di risultati, per cui la cosa più logica agli utenti sembra quella di cliccare sugli annunci.

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published.