Con questo articolo iniziamo una rubrica di recensioni di alcuni strumenti SEO che riteniamo utili nel nostro lavoro; iniziamo con il tedesco Sistrix, che fornisce una piattaforma completa di monitoraggio e competitive analysis per la SEO.

Sistrix è un pratico strumento che permette diverse ed interessanti possibilità di analisi, nato in lingua tedesca, aspetto riscontrabile in quanto alcuni contenuti, come ad esempio il registro delle modifiche e gli updates, sono ancora presenti nella lingua degli sviluppatori, ma disponibile anche in italiano con un mix di contenuti in inglese.

Partendo dalla homepage si noterà come le possibilità offerte da Sistrix siano molte e le ricerche possano essere condotte relativamente alla SEO, oppure può essere impostata una Ricerca Universale, o ancora legata ai Link, all’Advertisment (pubblicità), ai Social ed all’Ottimizzazione.

Inserendo il dominio di nostro interesse nella homepage si può iniziare ad ottenere da subito diversi dati molto utili a partire dalla panoramica dell’indice di visibilità ed è possibile, inoltre, confrontare o esportare i grafici presentati, come ho fatto io, per utilizzarli in eventuali report.

Come si nota dal grafico, è possibile andare ad analizzare come è variato l’indice di visibilità del nostro sito nel corso degli anni, ma anche visualizzare tutti i diversi pin relativi ai Panda Updates e ai Page Layout Updates.

Un altro aspetto potenzialmente utile era quello relativo alla sezione riguardante il PageRank, che permetteva di registrare l’andamento storico di un dominio, aspetto interessante per capire come si è evoluto nel tempo questo parametro e se un sito è stato vittima di penalizzazioni e/o cali di “visibilità” mostrati tramite il PageRank (ovviamente come indice qualitativo.. ormai sono anni che il parametro è totalmente inaffidabile nella valutazione di un sito). Funzione interessante, è quasi un peccato che Google non lo aggiorni più!

Procedendo con la scoperta di Sistrix non si può non parlare della sezione relativa alle Parole chiave, a partire dal report relativo alle keywords maggiormente ricercate ed elecante tenendo conto della posizione, URL, competizione e traffico.

E’ poi presente una sezione relativa alle idee per nuove parole chiave o andando ad analizzare i cambiamenti di ranking, in aumento, in diminuzione o relativi alle nuove keywords o a parole chiave perse, in un arco di tempo selezionato dall’utente; ottimo soprattutto per capire velocemente dove andare a intervenire e quali sono le pagine migliori e quelle peggiori. Se abbiamo improvvise variazioni nel traffico organico, tramite questa sezione è possibile iniziare analisi più approfondite.

Sistrix, dispone inoltre di alcune funzionalità per l’analisi dei competitors, anche questa nella sezione SEO, a partire da confronti che possono essere condotti relativamente al dominio, all’host, al percorso ed all’URL, di cui per ogni aspetto vengono forniti i vari livelli di competizione, rankings ed indice di visibilità, ma non finisce qui. Sono disponibili anche un paio di strumenti per impostare delle analisi dei concorrenti tenendo conto delle sovrapposizioni di parole chiave per diversi domini o delle keywors in comune.

Procedendo poi ancora nell’ottica relativa all’analidi dei concorrenti, ma sposandoci nella sezione relativa alle Opportunità è anche possibile andare a identificare le parole chiave per cui il dominio in questione non compare all’interno dei primi cento risultati, ma che invece sono già ad  uso da parte della concorrenza, immettendo da uno a tre competitors all’interno di questa funzione.

Infine, nella sezione SEO, può essere conveniente valutare i dati forniti relativamente ai diversi paesi, soprattutto se il nostro sito è destinato ad un pubblico internazionale. Le considerazioni possibili si riferiscono, oltre che all’indice di visibilità, alla top-10 e top-100 relative alle keywords ed agli URL.

Continuando con il discorso della valutazione del dominio in termini internazionali, passiamo dalla sezione SEO, alla sezione dedicata ai link.

Relativamente a questo aspetto è possibile avere diverse informazioni a partire da un overview generica sul numero complessivo di link, i principali anchor text, le principali pagine collegate, i top level domain (TLD), fino ad una panoramica che mostra l’origine geografica dei link, un modo molto interessante di rappresentare come i link sono distribuiti in tutto il mondo.

Per quanto riguarda gli aspetti relativi ai social, invece, è possibile conoscere la distribuzione e le interazioni dei social signals sui maggiori social networks quali Facebook, Twitter e Google +, potendo poi impostare analisi relative alle nuove o alle principali URL, oppure relative ai singoli social network.

Se lavorate su AdWords potrà essere utile anche la sezione legata all’adverstising, di cui, come nella sezione relativa alla SEO, viene fornita una panoramica riguardante l’indice di visibilità, le parole chiave, i link ed i segnali sociali in un ottica legata alle pubblicità.

Un’altra utile sezione è poi quella relativa all Ricerca Universale, o Universal Search, che si prefigge di andare ad analizzare il dominio in questione da diversi punti di vista connessi alle parole chiave, ma con riferimento relativamente allo shopping, ai blog, alle immagini, ai video ed alle mappe.

Infine, l’ultima possibilità riguarda l’Ottimizzazione che può essere attuata attraverso Sistrix. Entrando nell’apposita pagina, infatti, è possibile andare ad impostare un progetto relativo all’ottimizzazione del dominio di nostro interesse ed ad ogni modo condurre anche più progetti allo stesso tempo.

Per ogni progetto, quindi, verrà presentata una dashboard, con dati relativi agli avvisi, gli errori ed i suggerimenti, una panoramica relativa alle parole chiave rapportate anche con i maggiori competitors ed una sezione relativa ai link. Sono disponibili inoltre dati relativi alla social activity, le prestazioni del server e la competizione. Un modo veloce per avere sott’occhio i progetti principali.

Considerazioni su Sitrix

Una volta eseguita questa overview sulle diverse possibilità e strumenti che offre Sistrix possiamo passare a fare alcune considerazioni. E’ evidente che Sistrix può essere utilizzato in molti modi, soprattutto in ottica SEO. Il modulo relativo all’attivita di SEO è progettato e pensato per aiutare gli utenti ad analizzare e scegliere le keywords utili per il proprio sito, fornendo allo stesso tempo un utile panoramica sulla visibilità del sito sul web.

Queste funzioni possono essere veramente utili per velocizzare tutte quelle operazioni meccaniche e meno “divertenti” del lavoro di SEO e spesso possono anche portare interessanti idee alle quali non si sarebbe arrivati tanto facilmente.

Una pecca? La sezione link, che ha tutte le funzioni che potrebbero servire ma fa riferimento a un database spesso inconsistente rispetto ad altri strumenti più specifici (ahrefs, majestic, opensite) e che pecca anche un po’ in usabilità.

I benefici nell’utilizzo di Sistrix

I benefici relativi all’utilizzo di Sistrix sono quindi diversi: è un software veloce e semplice da usare, ma anche molto efficiente. Sistrix è inoltre progettato per poter essere utilizzato secondo le funzioni ritenute più utili per il nostro business.

Altri aspetti positivi poi riguardano il prezzo del software, che, pur non essendo contenuto,  risulta essere conveniente se ci si trova a lavorare con un budget ristretto ed i progetti sono più di uno.

Ad ogni modo, il costo di Sistrix può essere recuperato con un corretto uso di quest’ultimo che permetterà il conseguimento di maggiori profitti.

Può presentarsi forse un po’ alto per chi si affaccia per la prima volta al mondo SEO, ma già dopo aver avuto un po’ di infarinatura sulla materia, si inizierà ad apprezzare l’utilità di questo strumento.

In generale, quindi, Sistrix offre alle aziende una maniera piuttosto semplice per fare considerazioni e condurre pianificazioni relative alle keywords per cui vogliono posizionarsi e per tutte le attività relative a campagne SEO e può quindi risultare un utile strumento per raggiungere i propri obiettivi e strategie aziendali.

Inoltre, risulta essere uno strumento che potrebbe essere ancora migliorato, soprattutto per coloro i quali si affacciano per le prime volte sul mondo SEO e che comunque non hanno ancora un background forte in questo settore e che, come per la quasi totalità dei tool il rischio è quello di affidarsi troppo allo strumento e pensare di poter avviare una campagna appoggiandosi solo a una suite del genere.

A breve saranno disponibili dei tutorial per ogni sezione del tool, ma la raccomandazione è sempre la stessa: i tool devono essere solo qualcosa a supporto del nostro lavoro, mai affidarcisi troppo.

 

Fabio Morelli

About The Author

Studente di Marketing e Qualità presso l'Università degli Studi della Tuscia e Web Marketing Collaborator presso ByTek Marketing Srls

Leave a Reply

Your email address will not be published.