A volte può essere importante sapere quanti siti sono hostati sul server dove risiede il vostro sito per assicurarvi della qualità del servizio offerto dal vostro hosting provider. Troppi siti sullo stesso server potrebbero infatti rallentare le prestazioni del server stesso e provocare down ripercuotibili sul posizionamento del vostro sito.

Altra cosa importante è sapere con che tipologia di siti viene condiviso lo stesso IP: avere siti non affidabili, porno e magari bannati da google con lo stesso IP potrebbe rivelarsi dannoso per il posizionamento del vostro sito web.

YouGetSignal

L’esperto Seo Dechigno, di Prima Posizione S.r.l, ne parla così in una discussione sul forum GT:

Devo dirti la verità, la situazione del tuo hosting mi preoccupa un po’, difatti oltre ad avere un hosting base (mia deduzione), il tuo IP lo condividi con quasi altri 5.000 siti (fra cui siti near to spam e adult). Il server, nella sua complessità, localizzazione e prestazioni sta divenendo indispensabile per ottenere posizioni stabili su Google (che tende sempre più ad affidarsi principalmente a siti veloci: quindi macchina dedicata e senza “cattivi vicini“.

Come facciamo però a capire se il nostro hosting è affidabile e quanti “cattivi vicini” abbiamo? Ho scoperto oggi un tool molto interessante sul sito YouGetSignal chiamato Reverse IP Domain Check: inserendo semplicemente l’URL del nostro sito in un Text Box potremo avere in pochi secondi un report con la lista dei siti ospitati sul nostro server.

Sullo stesso sito sono inoltre presenti anche altri tools quali un geolocalizzatore di numeri telefonici, un tool per controllare se le porte del nostro computer sono sicure più altri strumenti a mio parere molto utili!

Voi cosa ne pensate? Avete scoperto di avere un server sovraccarico o pieno di “cattivi ospiti”?

About The Author

Ideatore e Web Master di SeoPoint.org, si occupa di SEO dal 2007. E’ stato relatore a diversi eventi organizzati da GT Idea Srl. E’ moderatore nel Forum GT, la community di riferimento per i SEO in Italia. Studia Ingegneria Industriale presso l'Università degli Studi della Tuscia di Viterbo. Sognatore, appassionato di corsa e outdoor e scout da sempre.

7 Responses

  1. ilmioguadagno

    Già, la situazione è tragica… i siti sullo stesso server sono sicuramente troppi ma… una macchina dedicata costa ancora molto e sono in tanti a non poter investire quelle cifre.

    Credo però che chi voglia dar vita ad un progetto serio e duraturo debba necessariamente andare in questa direzione!

    Ciao e grazie per aver segnalato il tool!

    Rispondi
  2. Paolo Dello Vicario

    Sinceramente non mi trovo completamente d'accordo su tutte le tue opinioni..

    La prima è assolutamente vera, i costi di una macchina dedicata, semidedicata o di un virtual server sono ancora abbastanza alti e a meno che non si registrino grosse quantità di visite si rischia di andare sotto…

    Non credo che per un progetto serio serva per forza una macchina dedicata da subito.. attualmente gestisco diversi siti tutti su shared hosting e che portano buoni numeri di visite.. magari quando si vede che si sta arrivando ad un buon punto si cambia offerta e si chiede all'hoster di trasferire il tutto su virtual server..

    Rispondi
  3. ilmioguadagno

    Scusami… credo di essermi spiegato male.

    Intendevo più o meno la stessa cosa 😉 ! E' ovvio che anche se il progetto è serio e competitivo, almeno all'inizio una macchina dedicata non è necessaria.

    Ma con il passare del tempo se il prodotto è di qualità e si riesce a diffondere i contenuti in maniera appropriata arriveranno anche le visite (tante… si spera!).

    A quel punto, credo che possa essere conveniente valutare le altre soluzioni.

    Rispondi
  4. hotel viserbella

    Quante visite al giorno secondo voi servono per avere una quantità di traffico sufficiente?

    Mi riferisco al limite oltre il quale conviene avere una macchina dedicata e eventualmente quali sono i costi?

    Scusa e Grazie

    ps Trovo il tuo blog estremamente utile

    Rispondi

Leave a Reply to hotel viserbella Cancel Reply

Your email address will not be published.