Valerio notarfrancesco ci parla di marketing mobile e opportunità di business in questo mercato.

È un settore molto di nicchia e rappresenta solo una “fetta” del totale. Il marketing mobile è una nicchia ma va vista nel complesso, perché può dare tante idee anche per l’organico. Il traffico da mobile è un segmento molto piccolo, soprattutto in alcuni settori. Ci sono invece settori come news e turismo in cui è più importante.
Bisogna ottimizzare il sito per il mobile, perché l’utente medio altrimenti lo abbandona abbastanza facilmente.

Dati in Italia dal Sole24Ore:



15 milioni di smartphone;
5 milioni di chiavette per la connessione veloce.

Problemi possibili che possono portare all’abbandono:

Testo e link minuscoli
Spazi Bianchi sprecati
Pagine troppo pesanti e script inutili

Occupiamo tutti gli spazi possibili, evitiamo immagini inutili e diamo importanza al contenuto. Meglio schematizzare.

Per adattare una pagina al mobile bisogna creare due fogli di stile differenti, specificando nell’attributo “media” la larghezza minima e massima per caricare l’uno e l’altro.

In alcune situazioni è necessari utilizzare altre pagine, separate, in una sotto-cartella o in un sotto-dominio. In questo caso per evitare contenuti duplicati bisogna usare il canonical e l’.htaccess. In base allo user-agent l’utente va reindirizzato al sito mobile o no. È importante includere fra gli user-agent reindirizzati sia GoogleBot Mobile che i browser mobile. Vanno reindirizzati tutti insieme.

Sul mobile la ricerca geolocalizzata è particolarmente utile. Soprattutto nei risultati locali ci sono enormi differenze, cercando la stessa keyword. Sul mobile viene mostrato anche il numero di telefono. Il mercato negli stati uniti è dominato da blackberry, Apple, Windows mobile e android. Gli smartphone occupano il 49% delle connessioni mobile e Apple domina questo settore.

Dati mobile di GT



50% iPhone
17% iPad
14% Symbian
5% Android

Tutto questo su 7188 visite.
Le visite da iPhone hanno 1’10” di tempo medio sul sito e l’80% del Bounce Rate, quindi la gente vede spessissimo una sola pagina, si naviga in modo diverso rispetto ai browser tradizionali.

About The Author

Si occupa della gestione di portali di medie dimensioni e sviluppa temi Wordpress, con un particolare occhio alla SEO. È stato relatore al Convegno GT 2010 con un intervento sull'influenza di Facebook sul ranking.

2 Responses

Leave a Reply

Your email address will not be published.